Partito dei Comunisti Italiani

Appello alla mobilitazione di tutte le forze democratiche e di pace

Articoli / Dipartimento Esteri
Inviato da redazione 11 Mar 2014 - 14:06

La situazione in Ucraina e attorno ad essa si sta facendo sempre più drammatica e pericolosa, di giorno in giorno. Il pericolo non concerne soltanto il destino dei popoli dell’Ucraina, ma le sorti stesse della pace in Europa e nel mondo.



La coltre di disinformazione che ha coperto l’intero svolgersi della crisi a Kiev impedisce all’opinione pubblica italiana, europea e occidentale di comprendere la gravità del pericolo che tutti noi corriamo. Pochi comprendono che sta per essere mutato, con la violenza, l’insieme degli equilibri europei e della sicurezza del nostro continente.
Lo prova il fatto che l’opinione pubblica non sta reagendo in alcun modo a eventi la cui eccezionalità dovrebbe essere evidente a ogni persona informata. Il mortale silenzio del Parlamento italiano è la conferma di una inconcepibile sottovalutazione della portata degli eventi ucraini. Le opposizioni tacciono anch’esse mentre il governo italiano, in sede internazionale, si limita a balbettare parole di convenienza immediata. Nessuna iniziativa in senso positivo, di pace, di invito alla riflessione, è stata intrapresa.
Noi chiediamo di  aprire gli occhi e di guardare con animo vigile, senza pregiudizio, a ciò che accade. Ne va del nostro destino. La guerra va fermata ora, domani potrebbe essere tardi. L’Italia non ne sarà immune.
Giulietto Chiesa  Presidente di Alternativa-laboratorio politico



Questo articolo è stato inviato da Partito dei Comunisti Italiani
  http://legacy.comunisti-italiani.it/

La URL di questo articolo è:
  http://legacy.comunisti-italiani.it/modules.php?op=modload&name=News&file=article&sid=9234